scrittura creativa

Cito una frase del mio libro così mi leggono

Lo faccio anche io, niente di nuovo.

Il problema é che siamo troppo coinvolti e citiamo frasi che crediamo possano sortire un effetto, ma non é così. Perché?

Perché non rispondono alla domanda del lettore: perché dovrei darti il mio tempo e i miei soldi? In altre parole, la mia fiducia?

La maggior parte delle frasi che leggo, citate dai miei colleghi non mi dicono nulla (e sicuramente é reciproco).
Perché?

Perché manca il conflitto. È quello che ci spinge ad andare avanti nella lettura di un libro. È il conflitto che genera interesse sia prima che durante la lettura.

A noi quelle frasi piacciono tanto… Ma noi la storia la conosciamo.

E lo sanno bene le CE di un certo livello che sanno fare marketing, quando scrivono sui libri.

“Tu non la conosci, ma lei conosce te”.

Scritto su “la ragazza del treno”.

Eh… Qualche domanda te la fa fare.

Domanda che significa curiosità, che significa che leggerò la trama e poi magati lo compro.

A proposito di conflitto, ecco uno dei migliori libri che ho letto sull’argomento (e su tanti altri temi di scrittura creativa).

È interessante sia per chi scrive o vuole scrivere, sia per i lettori che vogliono capure ancora di più cosa ci sia (o non ci sia) dietro un libro. 

https://www.amazon.it/Larte-della-scrittura-drammaturgica-Lajos/dp/8886350856